Questo sito contribuisce alla audience di

Oeben, Jean-François

ebanista francese (Eusbern, Franconia, ca. 1710-Parigi 1763). Attivo a Parigi, fu tra i maggiori rappresentanti dello stile Luigi XV nel periodo di più ricca fioritura. Protetto dalla marchesa di Pompadour, maestro di Riesener e Leleu, conobbe il successo e gli incarichi più ambiti: fu ebanista privilegiato del re, dispose di alloggi ai Gobelins e poi all'Arsenal (1756), dove poté creare i suoi mobili in ambienti adatti sia alla lavorazione del legno sia alla fusione degli ornamenti bronzei. Le sue maggiori realizzazioni si esplicarono in vari tipi di sedili trasformabili mediante congegni meccanici da lui stesso inventati. Nelle sue opere la sensibilità per il disegno della forma si unisce al gusto raffinato per gli elementi decorativi (sfruttò tutte le risorse della tecnica dell'intarsio per ottenere dalla combinazione di vari tipi di legno disegni di suggestivo effetto pittorico). Capolavoro della sua arte è il famoso bureau di Luigi XV (Versailles), completato e stampigliato dal Riesener dopo la sua morte. Mobili di Oeben si trovano tra l'altro nelle raccolte del Louvre e in quelle del Residenzmuseum di Monaco.

Media


Non sono presenti media correlati