Questo sito contribuisce alla audience di

Ossèti

(in russo Osetiny). Popolazione del Caucaso stanziata nella regione dell'alto corso del Rion fino al distretto di Terek. Gli Osseti, il cui nome nazionale è Iron, discendono da genti affini agli antichi Sciti e si insediarono nel Caucaso verso l'inizio dell'era attuale; in origine agricoltori e allevatori seminomadi organizzati in clan patrilineari, divennero sedentari verso il sec. VI per influsso dei Bizantini e dei Georgiani che diffusero fra loro il cristianesimo, senza riuscire, tuttavia, a cancellare le più antiche credenze politeistiche. Indipendenti fino al sec. XIII subirono prima la pressione dei Circassi, poi dei Georgiani che li respinsero nelle attuali sedi rendendoli tributari; a tale periodo risale, probabilmente, la suddivisione in classi sociali che sconvolse l'antica organizzazione comunitaria. Si vennero a formare così potentati feudali tributari dei Circassi e dei Georgiani e sempre in guerra fra loro; sorsero allora i tipici villaggi fortificati (aul), addossati a speroni rocciosi e sovrastati da alte torri di vedetta. Col regime sovietico gli Osseti ebbero una relativa autonomia ma i loro costumi tradizionali subirono profonde trasformazioni: mentre si andava sviluppando una letteratura (scritta in lingua propria fin dalla metà del sec. XIX) la gran parte dei gruppi si insediò nelle pianure dedicandosi ad attività industriali e commerciali. Con la caduta del regime sovietico anche tra gli Osseti si è sviluppata una forte spinta nazionalistica che induce questo antico popolo a ricercare una propria autonomia in un territorio unificato: ciò lo ha portato a violenti scontri armati soprattutto con i Georgiani.

Media


Non sono presenti media correlati