Questo sito contribuisce alla audience di

Paladilhe, Emile

compositore francese (Montpellier 1844-Parigi 1926). Allievo di Halévy per la composizione e di Marmontel per il pianoforte, nel 1860 vinse il Prix de Rome con la cantata Le czar Ivan IV. Autore di musica sinfonica, sacra e cameristica, fu noto soprattutto per l'opera Patrie (1886), scritta nel gusto magniloquente ed esteriore del grand-opéra. Aveva tuttavia raggiunto un esito migliore in Suzanne (1878), che tradisce un lirismo di derivazione gounodiana. L'altra sua opera, Le passant (1872), contiene una famosa Mandolinata che fu trascritta per pianoforte da Saint-Saëns.