Questo sito contribuisce alla audience di

Palissy, Bernard

ceramista francese (Saintes o Lacapelle-Biron ca. 1510-Parigi ca. 1590). Attivo nei centri di Saintes e Parigi, elaborò uno stile che influenzò notevolmente la successiva produzione di maioliche francesi, soprattutto quelle dell'Ottocento. Famose divennero le sue terrecotte verniciate (dette rustiques figulines) decorate con salamandre, anguille, serpenti, lucertole, pesci in rilievo, spesso ottenuti con veri e propri calchi su soggetti veri. Queste opere, note per lo più attraverso gli scritti dei contemporanei o dello stesso Palissy, sono caratterizzate da una tavolozza nei colori giallo, azzurro, marrone, violaceo, accostati in perfetta armonia di toni. Eseguì anche raffinate decorazioni nelle grotte del castello d'Ecouen (1555) e delle Tuileries. Tenace avversario dell'alchimia, Palissy fu uno dei primi assertori della chimica sperimentale ed è noto anche perché tra i primi riconobbe la vera natura dei fossili da lui rinvenuti nei materiali usati per la sua produzione. Raccolse le sue osservazioni sui fenomeni geologici nei Discours admirables de la nature des eaux et fontaines, tant naturelles qu'artificielles, des métaux, des sels et salines, des pierres, des terres, du feu et des emaux (1580).

Collegamenti