Questo sito contribuisce alla audience di

Passionèi, Doménico

cardinale (Fossombrone 1682-Camaldoli 1761). Rappresentò il papa ai preliminari della Pace di Utrecht e durante le trattative per l'alleanza tra la Svizzera e la Francia; fu legato pontificio in Svizzera e in Austria. Studioso di dogmatica e di storia ecclesiastica, propugnò un agostinismo severamente ortodosso e difese il rigorismo morale avvicinandosi alle posizioni gallicane e giansenistiche. Morì di colpo apoplettico leggendo l'ingiunzione papale a ritrattare i suoi errori o dimettersi.