Questo sito contribuisce alla audience di

QuikSCAT

satellite statunitense (dall'inglese Quick Scatterometer, scatterometro veloce) per la rilevazione della velocità e la direzione dei venti sugli oceani. Il permette di tenere sotto controllo anche eventi meteorologici eccezionali come el Niño e la Niña determinati da variazioni dei venti del Pacifico. Lanciato dalla NASA il 20 giugno 1999 con un razzo Titan II dalla base californiana di Vandenberg, è stato immesso in un'orbita circolare di 800 km.Componente fondamentale per l'attività di rilevamento del satellite è lo scatterometro radar SeaWinds, che fornisce quotidianamente a climatologi, oceanografi e meteorologi i dati dettagliati per approfondire la conoscenza sui venti e le variazioni del tempo, contribuendo a migliorare le previsioni meteorologiche. Lo scatterometro è in grado di compiere rilevazioni oceaniche anche se la superficie terrestre risulta coperta di nubi, in quanto opera trasmettendo impulsi di microonde ad alta frequenza sulla superficie dell'oceano e misurando gli impulsi radar di ritorno. Lo strumento avverte le variazioni causate dai venti e invia i dati alle stazioni di Terra che li utilizzano per stabilire la velocità e la direzione dei venti. Il NOAA, National Oceanic and Atmospheric Administration, responsabile della missione, utilizza i dati provenienti dal per determinare il formarsi e l'evolversi delle tempeste tropicali, prevedendole con esattezza.

Media


Non sono presenti media correlati