Questo sito contribuisce alla audience di

Titan

nome di un missile balistico intercontinentale, bistadio e a propellenti liquidi, della US Air Force. La prima versione del Titan I, fu lanciata per la prima volta nel febbraio 1952: il missile veniva conservato in posizione verticale all'interno di un silo sotterraneo, da cui doveva essere sollevato fino a raggiungere la superficie per procedere al lancio. Con la versione successiva, denominata Titan II, iniziò l'impiego del missile come vettore spaziale; infatti nell'aprile 1964, un Titan II lanciò la navicella Gemini 1 senza equipaggio, mentre il primo volo abitato fu quello della Gemini 3 che, lanciata nel marzo 1965, portò in orbita gli astronauti statunitensi V. Grissom e J. W. Young. Nel corso degli anni, varie versioni di Titan, sempre più potenti, hanno lanciato in orbita numerosi satelliti militari e civili e anche sonde interplanetarie. La più recente versione del vettore, denominata Titan IV, è stata utilizzata per la prima volta nel 1989 per il lancio di un satellite statunitense per osservazione strategica. Titan IV è il più grande e potente vettore spaziale non riutilizzabile: ha capacità di carico di quasi 18.000 kg in un'orbita bassa o di circa 4.500 kg in orbita geostazionaria. Concepito inizialmente come un complemento della navetta spaziale, offre l'accesso principale allo spazio per importanti carichi strategici per la sicurezza nazionale sia dalla costa atlantica sia da quella del Pacifico.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti