Questo sito contribuisce alla audience di

Quinet, Edgar

storico, letterato e uomo politico francese (Bourg-en-Bresse 1803-Parigi 1875). Non compì, se non parzialmente, studi regolari; si formò invece culturalmente dapprima sotto la guida della madre, nell'ambiente del romanticismo tedesco: suo primo studio importante fu un saggio premesso alla traduzione francese (1825) delle Ideen zur Philosophie der Geschichte der Menscheit (Idee sulla filosofia della storia dell'umanità) di Herder. Successivamente (1827-33), compì numerosi viaggi di studio in Germania, in Grecia e in Italia, dandone conto in notevoli saggi apparsi sulla Revue des deux Mondes e in vari libri, tra cui De la Grèce moderne et de ses rapports avec l'antiquité (1830), Allemagne et Italie (1839, 2 vol.). Nel 1839 fu nominato professore di letterature straniere all'Accademia di Lione e nel 1841 fu istituita per lui la cattedra di letterature meridionali al Collège de France, dove, avendo a collega Michelet, si batté per l'affermazione delle idee democratiche e liberali, così che nel 1846 fu destituito da Guizot; reintegrato nel 1848 dopo la rivoluzione a cui prese parte attiva, schieratosi decisamente con gli antibonapartisti, nel 1852 fu espulso dalla Francia; visse poi a Bruxelles e in Svizzera fino al 1870 quando tornato a Parigi prese parte alla Comune; nel 1871 fu eletto deputato di Parigi all'Assemblea Nazionale. La sua opera di storico, inscindibile dalle sue prese di posizione politica che per la loro estrema lucidità e coerenza hanno avuto profonda influenza ancora in tempi successivi, è una delle più interessanti risoluzioni, in campo storiografico, della filosofia hegeliana nell'Ottocento. Opere: Les Révolutions d'Italie (1845-52, 2 vol.), Histoire de mes idées (1858), Philosophie de l'histoire de France (1858), La Révolution (1865, 2 vol.), La question romaine devant l'histoire (1867), France et Italie (1867), La République (1872). Nel 1874 pubblicò L'esprit nouveau, quadro dell'evoluzione del pensiero liberale europeo nel sec. XIX.

Media


Non sono presenti media correlati