Questo sito contribuisce alla audience di

Ratke, Wolfgang

(latinizzato in Ratichius), pedagogista tedesco (Wilster, Holstein, 1571-Erfurt 1635). Studiò teologia e filosofia all'Università di Rostock e si perfezionò nella lingua ebraica e in quella araba. Trasferitosi ad Amsterdam, insegnò privatamente e presentò a Maurizio d'Orange un piano di riforma per le scuole olandesi. Ritornato in Germania, nel 1612 inviò ai principi tedeschi, in occasione di una dieta imperiale, un suo scritto, noto con il nome di Memoriale di Francoforte, in cui venivano formulate proposte per un nuovo metodo di apprendimento delle lingue antiche e per l'introduzione in Germania di una lingua unica, l'alto tedesco, di un unico governo e di una sola religione. Le proposte di Ratke ebbero alterno successo ma è indubbio che contenevano caratteri innovativi; in esse vengono delineati per la prima volta i principi del metodo naturale che verrà poi teorizzato da J.-J. Rousseau. Nella storia della pedagogia, il pensiero di Ratke anticipa quello di J. A. Comenio e il suo metodo quello di J. B. Basedow (filantropismo).

Media


Non sono presenti media correlati