Questo sito contribuisce alla audience di

Ricciòtti, Nicòla

patriota italiano (Frosinone 1797-vallone di Rovito, Cosenza, 1844). Carbonaro, entrò nell'esercito di G. Pepe e combatté a Rieti e ad Antrodoco (1821). Condannato (1822) alla pena di morte, poi commutata in venti anni di carcere, nel 1831 fu liberato in seguito ad amnistia e si rifugiò in Corsica. Venuto in relazione con Mazzini e iscrittosi alla Giovine Italia, dopo aver invano cercato di fomentare moti rivoluzionari in Italia, combatté in Spagna contro i carlisti. Unitosi infine alla sfortunata spedizione dei fratelli Bandiera, fu giustiziato con loro nel vallone di Rovito.

Media


Non sono presenti media correlati