Questo sito contribuisce alla audience di

Rivalta di Torino

comune in provincia di Torino (17 km), 294 m s.m., 25,25 km², 17.565 ab. (rivaltesi), patrono: san Vittore (secondo lunedì di maggio).

Cittadina situata alle pendici sudorientali dell'anfiteatro di Rivoli, alla sinistra del torrente Sangone. Nel sec. XI il monastero di San Pietro di Torino e l'abbazia di San Giusto vi ebbero dei possessi, e vi sorse una prepositura dei Canonici regolari di Sant'Agostino, divenuta poi abbazia cistercense. Devastata dalle truppe imperiali al tempo della Lega Lombarda, fu distrutta da Enrico VI nel 1195. Dai Savoia fu infeudata a diverse famiglie, tra cui gli Orsini di Piemonte.§ Fra le numerose testimonianze dell'epoca medievale sono il castello Orsini, con torre del sec. XI, i resti delle mura con due porte e l'abbazia cistercense, quasi completamente rifatta. La chiesa di Santa Croce è settecentesca, la parrocchiale dei Santi Pietro e Andrea è un rifacimento moderno.§ L'economia si basa sull'industria, che opera nei settori metalmeccanico (produzione e montaggio di autoveicoli ed elettrodomestici), chimico, alimentare, delle materie plastiche e dell'abbigliamento. Fiorente è il commercio. L'agricoltura produce uva da vino, ortaggi, frutta e cereali.

Media


Non sono presenti media correlati