Questo sito contribuisce alla audience di

Sacro Macèllo

denominazione data al grave fatto d'intolleranza religiosa avvenuto in Valtellina dal 19 al 23 luglio 1620, durante la guerra dei Trent'anni: aizzati dal governatore spagnolo di Milano, i cattolici valtellinesi massacrarono da 400 a 600 conterranei, perché protestanti. Il grave fatto, che aveva anche motivi politici, favorì il Partito cattolico di tendenza spagnola e ottenne alla Valtellina l'indipendenza (in verità molto precaria) e la proclamazione del cattolicesimo come unica religione ufficiale.