Questo sito contribuisce alla audience di

Scàbia, Giuliano

drammaturgo, romanziere e animatore teatrale italiano (Padova 1935). Dopo essere stato uno degli iniziatori del Nuovo Teatro nel 1965, ha sempre perseguito l'idea di un teatro raccontabile oltre che rappresentabile: egli stesso va in giro a recitare da solo, in case di conoscenti e amici, creando piccole comunità di spettatori-uditori. Accanto a opere che si annoverano tra i migliori risultati della nuova drammaturgia italiana, come La commedia armoniosa del cielo e dell'inferno (1972), Scabia ha svolto un'intensa attività di animatore teatrale, documentata nei suoi volumi: Teatro nello spazio degli scontri (1973), Forse un drago nascerà (1973), Il gorilla quadrumano (1974) e Marco Cavallo (1976, sulla sua esperienza di animatore presso dell'Ospedale psichiatrico di Trieste). Il lavoro sulla lingua compiuto attraverso la ricerca teatrale è confluito nei romanzi In capo al mondo (1990) e Nane Oca (1992). Nel 1995 ha pubblicato Il poeta albero, un libro di poesie e disegni, a trent'anni di distanza dalla prima raccolta, Padrone & Servo (1964) in cui è racchiusa l'anima del suo itinerario negli ultimi vent'anni. Del 1997 è il Canto notturno di Nane Oca sul platano alto dei Ronchi PuIú. Nel 2005 ha pubblicato Le foreste sorelle.

Collegamenti