Questo sito contribuisce alla audience di

Silverberg, Robert

scrittore statunitense di fantascienza (Brooklyn, New York 1933). Ha incominciato a interessarsi di fantascienza sin da giovane collaborando con numerose fanzines. Il suo esordio è avvenuto nel 1954 con il racconto Gordon Planet pubblicato sulla rivista inglese Nebula. Laureatosi nel 1956 alla Columbia University, riceve il premio Hugo come giovane e promettente autore. Scrittore estremamente prolifico, gran parte della sua prima produzione è di carattere avventuroso e si rivolge soprattutto a un pubblico giovanile. Silverberg ha raggiunto effetti di grande efficacia in alcune opere di maggiore impegno, come Master of Life and Death (1957; Padrone della vita, padrone della morte) e dagli anni Settanta in poi con romanzi più maturi e problematici. Tra i suoi romanzi: The Man in the Maze (1968; La città labirinto), Dying Inside (1972; Morire dentro), Lord Valentine's Castle (1980; Il castello di lord Valentine), The Face of The Water (1991; Il volto delle acque), The Alien Years (1998; L'età aliena), The Longest Way Home (2002) e L'amore al tempo dei morti (2006). Ha inoltre ripreso e ampliato alcuni celebri racconti di I. Asimov come Nightfall (1990; Notturno) e Child of Time (1990; Il figlio del tempo) e scritto alcuni volumi di saggistica, fra i quali sono stati tradotti The Realm of Prester John (1998; La leggenda del prete Gianni), The Golden Dream (1998; Alla scoperta dell'El Dorado).

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti