Questo sito contribuisce alla audience di

Siméon, Joseph Jérôme

uomo politico francese (Aix-en-Provence 1749-Parigi 1842). Benché avesse aderito sin dalle origini alla Rivoluzione, fu proscritto due volte: nel 1793 per essersi schierato contro la costituzione civile del clero e nel 1797 per essersi opposto al colpo di stato del 18 fruttidoro. Graziato dopo il 18 brumaio, divenne membro del Tribunato nel 1800, contribuendo all'elaborazione del codice civile. Fu poi consigliere di stato nel 1804 e ministro del regno di Vestfalia nel 1807. Aderì alla Restaurazione: fu prefetto nel 1814, poi ministro degli interni dal 1820 al 1821. Sotto Luigi Filippo divenne, nel 1838, presidente della Corte dei Conti.

Media


Non sono presenti media correlati