Questo sito contribuisce alla audience di

Szép, Ernö

poeta e narratore ungherese (Huszt 1884-Budapest 1953). Poeta sentimentale, rimasto ancorato, nella maggior parte della sua produzione, al mondo dei ricordi dell'infanzia, riesce tuttavia, con gli occhi di un bambino smarrito tra gli adulti, a fare una critica sommessa e non per questo meno pungente della società. Volumi principali di versi: Canzoniere (1912), Scarabocchi (1912), Antiche allegrie (1919), Ricordi (1917), Il mondo (1921), Dammi la mano (postumo, 1958). Il romanzo autobiografico Frequentavo la settima classe... (1922) e il romanzo d'amore L'acacia color lillà (1919) costituiscono, con le novelle del volume Anche Iddio si chiama Giovanni (1921), il meglio della prosa di Szép, nella quale a uno stile bamboleggiante si mescola in modo sorprendente la parlata budapestina. Memorabile successo teatrale arrise alla commedia in tre atti Azra. In italiano sono tradotti i romanzi Autunnale (1936) e Dali, dali, dal, la bella canzone (1938).