Questo sito contribuisce alla audience di

Tòrti, Giovanni

poeta italiano (Milano 1774-Genova 1852). Considerato il migliore allievo di G. Parini, lo celebrò in versi con una Visione (1802). Nel 1808 scrisse il carme Sui Sepolcri di Ugo Foscolo e di Ippolito Pindemonte. Si convertì poi al romanticismo, codificandone la poetica nei Sermoni sulla poesia (1818). Fu legato a Porta (della cui “Camaretta” fu tra i più assidui frequentatori), a A. Manzoni e a T. Grossi.

Media


Non sono presenti media correlati