Questo sito contribuisce alla audience di

Teodòro II (imperatore bizantino di Nicea)

Ducas Lascaris, imperatore bizantino di Nicea (1222-1258). Succedette al padre Giovanni III nel 1254, quando l'Impero di Nicea aveva raggiunto la massima potenza. Uomo d'alta cultura, promotore e protettore della cultura, fu anche politico avveduto, riuscendo a consolidare i risultati dell'attività del padre nei rapporti coi Bulgari, i Serbi e i Turchi al fine di predisporre la riconquista di Costantinopoli. Di carattere dispotico, ebbe all'interno potenti avversari, tra i quali Michele Paleologo (il futuro Michele VIII), ma seppe tenerli a freno. Scrisse sei libri di Scienze naturali, in gran parte desunte da testi classici, e otto libri di Teologia cristiana. Nel Contro i Latini polemizzò con un vescovo, probabilmente quello di Crotone in Calabria, e ribadì le sue posizioni antilatine nelle omelie, nell'Epitome etica e nel Manuale di ascetica. Importante dal punto di vista letterario, oltre che storico, è il Necrologio di Federico II. Tra gli encomi, i più significativi sono quelli di suo padre Giovanni Ducas, dello storico Giorgio Acropolita e della città di Nicea.

Media


Non sono presenti media correlati