Questo sito contribuisce alla audience di

Vòlsci

(latino Volsci). Antica popolazione italica del gruppo osco-umbro, che all'inizio del sec. V a. C., dalle originarie sedi dell'entroterra appenninico, scese nella pianura pontina sottraendo alla supremazia di Roma tutto il litorale tirrenico da Ardea ad Anxur (Terracina) e costringendo Roma stessa, anche per difendersi dalla concomitante irruzione degli Equi, a stringere con i Latini e gli Ernici il patto di alleanza che va sotto il nome di foedus Cassianum (493). I Volsci furono successivamente costretti a retrocedere e colonie latine o presidi romani vennero insediati a Circeii (393), a Satrico (385), ad Anzio e a Setia (382). Verso la metà del sec. IV, i Volsci, venuto meno il foedus Cassianum, parteciparono con Etruschi, Equi, Latini ed Ernici a una generale rivolta contro Roma, ma furono definitivamente debellati nel corso della guerra latina del 340-338, mentre ad Anzio (338) e ad Anxur (329) furono dedotte colonie romane: gli altri loro territori furono inglobati nello Stato romano. A Velletri, uno dei loro centri, si parlava ancora volsco nel sec. III a. C., come risulta dalla Tabula Veliterna, un'iscrizione dell'epoca, là rinvenuta, appunto in lingua volsca.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti