Questo sito contribuisce alla audience di

Villa Litèrno

comune in provincia di Caserta (29 km), 10 m s.m., 61,65 km², 10.364 ab. (liternesi), patrono: san Tammaro (seconda domenica di settembre).

Centro della Terra di Lavoro, alla sinistra dei Regi Lagni. Deriva l'attuale nome dall'antica città romana di Liternum, le cui rovine sono però comprese nel territorio comunale di Giugliano. La zona, un tempo paludosa, venne bonificata a partire dal 1539 per volontà del viceré don Pedro di Toledo, ma la bonifica fu compiuta solo tra il 1610 e il 1616 dal viceré Pedro Fernandez de Castro, e perfezionata nel 1860. Fino al 1927 si chiamò Vico di Pantano.§ L'agricoltura si basa su colture pregiate (pomodori, ortaggi e frutta), sulla viticoltura (aversa asprinio DOC) e sulla cerealicoltura. È fiorente l'allevamento bovino e bufalino, con produzione lattiero-casearia (mozzarella di bufala DOP). L'industria è presente nei settori alimentare, dell'abbigliamento, della ceramica e dei materiali da costruzione.

Media


Non sono presenti media correlati