Questo sito contribuisce alla audience di

Wallenstein, Albrecht Wenzel Eusebius von-

(anche Waldstein). Generale boemo (Heřmanič 1583-Eger 1634). Convertitosi al cattolicesimo, compì i suoi studi in Italia. Al servizio del duca di Stiria (1615-17) combatté i turchi e i veneziani. Arricchito da due fortunati matrimoni poté formare un proprio esercito – che mise al servizio dell'imperatore Ferdinando II (1618) – con il quale represse le rivolte in Boemia. Sconfisse i danesi a Dessau (1626), sottomettendo il Meclemburgo e la Pomerania e ottenendo il titolo di “ammiraglio dell'Oceano e del Mar Baltico” per i suoi sforzi tesi a creare una marina da guerra. Pur avendo fallito nella battaglia di Stralsund, obbligò Cristiano IV di Danimarca a firmare la Pace di Lubecca (1629). Il suo appoggio al movimento di unità tedesca gli creò molti nemici tra i principi portando alla sua destituzione nel 1630. Si ritirò in Baviera fino a quando, alla morte di J. Tilly (1632), lo stesso Ferdinando II lo richiamò. Sconfitto a Lützen, la morte di Gustavo Adolfo di Svezia gli permise di trattare con la Svezia, la Sassonia e il Brandeburgo, tradendo l'imperatore. Abbandonato nel momento decisivo fu destituito (1634) e assassinato da un suo ufficiale.