Questo sito contribuisce alla audience di

Zegadłowicz, Emil

scrittore polacco (Bielsko 1888-Sosnowiec 1941). Esponente del gruppo poetico “Czartak”, è autore di raccolte poetiche (Dziewanny, 1921; Vagabondi di Beskidy, 1923) imperniate su motivi folcloristici. Scrisse anche romanzi naturalistici, tra cui Incubi (1925) e Il mare morto (1939). Nella sua produzione teatrale spiccano i drammi Pietra di confine (1925) e Alcesta (1925), misteri in forma di ballata e Il castello di carte (1939).

Media


Non sono presenti media correlati