Questo sito contribuisce alla audience di

arabesque

sf. francese (di solito usato in italiano come sm. inv.).

1) Nella danza classica, termine di uso internazionale indicante la figura nella quale il corpo, in equilibrio su una sola gamba e con l'altra sollevata e tesa all'indietro, si allunga orizzontalmente mentre il braccio (o le braccia) ne continua la linea, di solito in direzione opposta. La serie degli arabesque può essere variata all'infinito (penchée, allongée, néoclassique). Nel balletto romantico, l'arabesque è spesso eseguita con braccia incrociate e posate sul petto; nel balletto moderno si registrano posizioni ancora più irregolari.

2) In musica, termine che per traslato dal significato originario di arabesco indica una composizione in forma libera, di non ampio respiro e di carattere elegante, mosso, capriccioso. Furono autori di arabesque, fra gli altri, Schumann e Debussy.

Media

Arabesque.