Questo sito contribuisce alla audience di

azaserina

sf. [aza-+serina]. Nome generico dell'O-diazoacetil-L-serina. Antibiotico isolato da colture di Streptomyces fragilis e successivamente prodotto per sintesi. È una polvere cristallina, giallo-verdastra, solubile in acqua, inattivata dagli acidi forti.

L'azaserina è particolarmente attiva nei confronti delle rickettsie e di alcuni macrovirus, oltre che su batteri, protozoi e miceti. Tuttavia il suo interesse è legato soprattutto all'effetto antineoplastico. Viene impiegata nel trattamento della leucemia acuta in associazione con la 6-mercaptopurina. La tossicità dell'azaserina è molto elevata, e si manifesta con ulcerazioni della mucosa orale e della lingua e con disturbi a carico dell'apparato digerente. L'antibiotico possiede inoltre un potente effetto embriotossico, a causa del quale è assolutamente controindicato nel corso della gravidanza.