Questo sito contribuisce alla audience di

infrastruttura

sf. [sec. XIX; infra-+struttura]. Insieme degli impianti, servizi, opere accessorie indispensabili all'attività e al funzionamento di un complesso industriale o commerciale, di una rete di trasporto, di un porto, ecc., come pure di un insieme sociale (città, rione, centro rurale, ecc.). La definizione delle componenti un'infrastruttura varia secondo l'utente che ne beneficia, così, riferita a una rete di trasporti, sono infrastrutture le stazioni passeggeri, i servizi radio di segnalazione, di assistenza, i raccordi stradali e ferroviari, ecc.; in riferimento a un insieme sociale, sono infrastrutture le reti di trasporto pubblico e di approvvigionamento (luce, gas, acqua, ecc.), i centri di attività sociali e culturali (scuole, biblioteche, ospedali, ecc.), di svago, ecc.; in riferimento all'attività produttiva nell'ambito del territorio, le infrastrutture comprendono tutto ciò che non crea reddito immediato e quindi reti stradali, sistemi di trasporto, ecc. (considerati in tal caso attrezzature di base), e il complesso di servizi legati alla formazione e conservazione del capitale (scuole, ospedali, centri di assistenza, complessi edilizi, abitativi, ecc.). In quest'ultimo caso, le infrastrutture sono dette economiche in quanto formano le “economie esterne”, nella maggior parte finanziate e realizzate dallo Stato e dagli Enti pubblici, che, se adeguate, si riflettono vantaggiosamente sui costi di produzione dei beni e delle merci: le infrastrutture economiche sono anche denominate capitale sociale fisso.

Media


Non sono presenti media correlati