Questo sito contribuisce alla audience di

insettìfugo

sm. (pl. -ghi) [sec. XIX; da insetto+-fugo]. Sostanza capace di allontanare gli insetti dall'uomo. Agisce per via del suo odore particolare, che copre l'odore della specie umana, oppure determinando alterazioni dannose o sgradevoli nei parassiti. Tra gli insettiìfughi si annoverano gli oli essenziali con spiccato odore aromatico per il loro contenuto di sostanze terpeniche: canfora, mentolo, timolo, olio di pino, di sandalo e di garofano. Sostanze più attive sono: il dimetil-ftalato, la dietil-toluamide, l'indolone. Gli insettiìfughi sono efficaci contro zanzare, mosche, cimici, pulci, zecche, ecc. Queste sostanze vengono spalmate sulla cute, in eccipienti particolari, in modo tale da rimanere attive anche dopo ripetuti lavaggi.

Media


Non sono presenti media correlati