Questo sito contribuisce alla audience di

isofìlico

agg. (pl. m. -ci) [da iso-+greco philikós, amichevole]. Termine introdotto dallo psichiatra americano H. S. Sullivan per indicare un comportamento affettuoso, privo però di valenze sessuali, diretto verso gli appartenenti al proprio sesso. Si distingue pertanto dall'omosessualità.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti