Questo sito contribuisce alla audience di

lìngua franca

lingua ausiliaria formatasi nei primi secoli del nostro millennio sulle coste meridionali e orientali del Mediterraneo per poter più facilmente corrispondere alle esigenze di una pronta e rapida comprensione tra Europei, Arabi e Turchi, nei loro rapporti e scambi commerciali. Ne forniscono alcuni documenti, per i secoli passati, le relazioni di mercanti e viaggiatori (anche Carlo Goldoni in L'impresario delle Smirne fa parlare un turco in lingua franca), e nel 1830 fu compilato anche un dizionario a uso del corpo di spedizione francese in Algeria. Il lessico di questa lingua, a base prevalentemente italiana e spagnola con scarsi elementi arabi, è ridotto all'essenziale e conta poche centinaia di vocaboli. Anche la struttura grammaticale è semplificata al massimo. Il termine lingua franca venne poi usato per indicare in genere ogni lingua ausiliaria commerciale di mediazione con lessico misto e grammatica ridotta al minimo.