Questo sito contribuisce alla audience di

mirabilite

sf. [sec. XIX; dal latino scientifico (sal) mirabile, (sale) mirabile+ -ite]. Minerale, solfato idrato di sodio, di formula Na₂(SO4)∤10H₂O, appartenente alla classe prismatica del sistema sistema monoclino. Cristalli di composizione chimica corrispondente alla mirabilite furono già ottenuti in laboratorio dal chimico J.R. Glauber trattando il cloruro di sodio con acido solforico; Glauber chiamò il composto “sal mirabile”. In natura la mirabilite cristallizza in individui tozzi, incolori o bianchi opachi con lucentezza vitrea, per deposizione da acque di sorgenti o di laghi salati particolarmente durante la stagione fredda in quanto la solubilità della mirabilite diminuisce con l'abbassarsi della temperatura delle soluzioni. Minerale abbastanza diffuso, si trova in numerosi giacimenti evaporitici, associato a salgemma, gesso, thenardite, glauberite ed epsomite.