Questo sito contribuisce alla audience di

Agliano Terme

comune in provincia di Asti (19 km), 263 m s.m., 15,38 km², 1697 ab. (aglianesi), patrono: san Giacomo (25 luglio).

Centro posto su un colle del Monferrato, tra le valli dei torrenti Tiglione e Nizza. Di antica origine, è citato per la prima volta in un documento del 938. Appartenne, tra gli altri, ai marchesi del Monferrato e ai Lancia. Nel 1637 fu invaso dagli spagnoli che smantellarono il castello e le fortificazioni. Nel 1944, durante la Resistenza, fu sede della libera repubblica dell'Alto Monferrato.§ La parrocchiale di San Giacomo Maggiore, riedificata alla fine del Seicento su una precedente distrutta dagli spagnoli, conserva un crocifisso ligneo (sec. XIV-XV) e altari in marmo policromo. La coeva chiesa di San Michele, sconsacrata, è sede del Museo della Gastronomia e della Tradizione Astigiane. In località Molizzo, in posizione panoramica su un colle, sorge il santuario dell'Annunciazione, di antica origine eremitale.§ Le terme, che sfruttano le acque solforose della Fons Salutis e della Fonte San Rocco, assicurano un buon flusso turistico. L'agricoltura produce cereali, frutta, foraggi, nocciole e uva da vino (barbera). L'industria è attiva nei settori chimico, vetrario, meccanico (macchine agricole) e dell'arredamento.

Media


Non sono presenti media correlati