Questo sito contribuisce alla audience di

Alidòsi, Francésco

cardinale (Castel del Rio ca. 1455-Ravenna 1511). Segretario del cardinale Giuliano della Rovere, fu da questi, divenuto pontefice, innalzato alla porpora cardinalizia (1505). Nel 1508 fu inviato come legato a Bologna, dove si adoperò attivamente per distruggere l'influenza politica dei Bentivoglio. Successivamente accompagnò Giulio II nelle spedizioni contro Venezia (1509) e contro i Francesi (1510). Accusato dal duca di Urbino, Francesco Maria della Rovere, capitano delle milizie pontificie, di segrete intese con Luigi XII, fu completamente scagionato dal papa. Nel 1511, all'entrata delle truppe francesi in Bologna, riparò a Ravenna presso il papa dove era giunto quasi contemporaneamente anche il duca di Urbino. Questi, ritenendolo responsabile di non essere stato ascoltato da Giulio II, lo affrontò in duello e lo uccise.

Media


Non sono presenti media correlati