Questo sito contribuisce alla audience di

Andalò, Loderingo

uomo politico italiano (Bologna ca. 1210-Ronzano 1293). Fratello di Brancaleone, podestà di Modena (1251), di Siena (1252), di Faenza (1254) e di Reggio (1258), insieme a Catalano di Guido d'Ostia fu imposto come rettore a Firenze nel 1266 da Clemente IV. I due, ricordati da Dante come fratres gaudentes (Inferno XXIII, 103 seguenti), dovevano sfruttare il crollo subito dai ghibellini alla battaglia di Benevento stipulando una pace favorevole alla parte guelfa. Screditatisi per l'atteggiamento equivoco, Andalò e Catalano, alla fine dell'anno, furono cacciati a furor di popolo.

Media


Non sono presenti media correlati