Questo sito contribuisce alla audience di

Anfiarào

(greco Amphiáraos; latino Amphiarāus), indovino-guerriero della mitologia greca, re d'Argo. Partecipò alla spedizione dei Sette contro Tebe, per istigazione della moglie Erifile, pur sapendo che sarebbe andato incontro alla morte. Durante la battaglia, mentre stava per essere ucciso, fu inghiottito dalla terra in una voragine apertasi per l'intervento di Zeus. Divenne così immortale e seguitò a profetare dall'altro mondo: a Oropo, in Attica, esisteva un oracolo dell'eroe. La sua fine fu vendicata dal figlio Alcmeone uccidendo Erifile, in ossequio al giuramento fattogli. Stazio lo celebra nella Tebaide.