Questo sito contribuisce alla audience di

Arézzo, Tommaso

cardinale (Orbetello 1756-Roma 1833). Governatore generale delle Marche (1797), svolse missioni diplomatiche a Pietroburgo (1802-04) e a Dresda (1804-06) per Pio VII. Governatore di Roma, durante l'invasione francese fu arrestato (1808) e deportato a Bastia (1809) perché avverso al blocco continentale. Fuggito in Sardegna (1813), dopo la Restaurazione fu cardinale (1816), legato pontificio a Ferrara (1816-30) e vicecancelliere della Chiesa (1830).