Questo sito contribuisce alla audience di

Argensola, Lupercio Leonardo de-

poeta, drammaturgo e storico spagnolo (Barbastro, Huesca, 1559-Napoli 1613). Di nobile famiglia, studiò nelle università di Huesca e Saragozza insieme al fratello Bartolomé. Seguì il conte di Lemos, Pedro Fernández de Castro, nominato viceré di Napoli, in tale città, dove fondò l'Accademia degli Oziosi. Argensola reagì al barocchismo trionfante riproponendo il ritorno a modelli classici. Le Rimas (postume, 1634) rivelano talento, erudizione e delicata sensibilità. Eleganti e sobrie sono le versioni da Orazio. Scrisse tre tragedie, la Isabela (1585), di argomento moresco, la Alejandra (1585), che ha per protagonista una donna assai bella e di depravati costumi, e Filis, perduta. Spesso oscure e indulgenti ai modelli senechiani, le tragedie di Argensola anticipano tuttavia la nascita del nuovo teatro spagnolo.