Questo sito contribuisce alla audience di

Bagrickij, Eduard Georgievič

pseudonimo del poeta russo E. G. Dzjubin (Odessa 1895-Mosca 1934). Tra i maggiori rappresentanti del costruttivismo letterario russo, fu tuttavia il grande romantico della prima poesia sovietica. Dopo le prime poesie piene di ottimismo suscitato dalla rivoluzione, scrisse versi pessimistici e ironici che testimoniano una crisi interiore. Pubblicò tre raccolte: Sud-ovest (1928), che contiene anche il popolare poema su Opanas, Vincitori (1932) e L'ultima notte (1932), che comprende i suoi tre ultimi poemi.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti