Questo sito contribuisce alla audience di

Bandung

Guarda l'indice

Generalità

Città (2.356.120 ab. nel 1995) dell'Indonesia, capoluogo della provincia di Giava Occidentale, 170 km a SE di Jakarta, situata a 715 m sul versante settentrionale del monte Malabar (2321 m). Fondata nel 1810 dagli Olandesi come stazione di villeggiatura, si sviluppò quando fu collegata tramite ferrovia a Bogor (1880). Oggi la città, di aspetto moderno, è uno dei centri commerciali e industriali più importanti del Paese, attivo mercato dei prodotti agricoli (riso, tè, spezie) della regione circostante, con grandi complessi alimentari, chimici, tessili, meccanici, farmaceutici (chinino) e della gomma; in espansione il turismo. Aeroporto. La città, importante centro culturale, è sede di alcune università (Negeri Pajajaran, Pasundan, Katolik, Parahyangan, Nahdlatul Ulama) e di istituti tecnologici. Anche Bandoeng.

Storia

Fu sede del quartier generale alleato addetto alle operazioni contro il Giappone e successivamente fu occupata dai Giapponesi dal 1942 al 1945. Vi si tenne, dal 18 al 24 aprile 1955, la prima Conferenza intercontinentale dei Paesi afroasiatici, promossa dal governo indonesiano, cui parteciparono 23 Paesi dell'Asia e 6 dell'Africa. Particolarmente discusso fu il problema del diritto all'indipendenza e allo sviluppo economico dei territori coloniali ed ex coloniali. Alla Conferenza di Bandung venne anche affermata l'ideologia del neutralismo attivo, ossia del rifiuto da parte dei Paesi afroasiatici di prendere posizione nella disputa e nella tensione tra l'Occidente e il blocco comunista.

Media


Non sono presenti media correlati