Questo sito contribuisce alla audience di

Barlezio, Marino

scrittore albanese (Scutari ca. 1450-forse Roma ca. 1512). Sacerdote cattolico, partecipò alla difesa di Scutari durante l'assedio dei Turchi (1478), che descrisse nella sua prima opera in latino umanistico, De obsidione scodrensi (1504). Occupata Scutari dalle truppe del sultano, Barlezio riparò nelle terre della Repubblica di San Marco. Visse a Venezia e a Roma, dedicandosi agli studi letterari. La sua opera più nota, Historia de vita et gestis Scanderbegi, Epirotarum principis (1508-10), gli acquistò larga fama diffondendo in Europa le epiche imprese di Giorgio Castriota detto Scanderbeg (“principe Alessandro”). Più che andamento di narrazione storica, l'opera di Barlezio su Scanderbeg ha impeto di poema epico-lirico.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti