Questo sito contribuisce alla audience di

Belmónte Picèno

comune in provincia di Fermo, 312 m s.m., 10,58 km², 675 ab. (belmontesi), patrono: Santa Croce (3 maggio).

Centro situato su una dorsale che separa le valli dei fiumi Ete Vivo e Tenna. Di antica origine, nel Medioevo appartenne all'abbazia di Farfa, ma nel 1263 si sottomise a Fermo. Nel 1527 fu quasi completamente distrutto dalle truppe francesi del visconte di Lautrec. § Il paese conserva resti di mura e torrioni del sec. XV; nella parrocchiale di San Salvatore (ricostruita nel sec. XVII) è conservato un altorilievo ligneo di arte marchigiana del sec. XV raffigurante la Pietà. § L'agricoltura produce frumento, mais e girasoli.

Media


Non sono presenti media correlati