Questo sito contribuisce alla audience di

Beroaldo, Filippo il Vècchio

umanista italiano (Bologna 1453-1505). Insegnò a Bologna, a Parma, a Parigi e ancora a Bologna dal 1479 alla morte. Fecondo editore di testi, si distinse soprattutto per il commento ad Apuleio, della cui favola di Amore e Psiche fornì un'interpretazione moralizzata secondo la filosofia cristiana. Tra le sue opere grande influsso sulla letteratura europea ebbe la Declamatio ebriosi, scortatoris et aleatoris de vitiositate disceptantium (1499).

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti