Questo sito contribuisce alla audience di

Brody, Adrien

attore cinematografico statunitense (New York 1973).Nato e cresciuto nel degradato quartiere di Queens di New York, ha trascorso un'adolescenza irrequieta e ribelle, ma con la passione per la recitazione. Incoraggiato dalla madre, la fotoreporter Silvia Plachy, si è iscritto all'American Academy of Dramatic Arts e poi alla High School for Perfoming Arts, resa famosa dal serial televisivo Saranno famosi. Dopo alcune esperienze televisive, Brody si è trasferito a Los Angeles per tentare la carriera nel cinema. Nel 1993 ha recitato in Piccolo grande Aaron di Steven Soderbergh facendosi subito notare dalla critica. Dopo una serie di film indipendenti, tra cui Angels (1994) di William Dear e L'ultima volta che mi sono suicidato (1997) di Stephen T. Key, arriva la grande occasione con La sottile linea rossa (1998) di Terrence Malick. Nel 1999 viene chaimato da Spike Lee per recitare in SOS - Summer of Sam . In seguito ha recitato in Liberty Heights (1999) di Barry Levinson e in Bread and Roses di Ken Loach, presentato al Festival di Cannes. Nel 2002 ha interpretato il musicista Wladyslaw Szpilman nel film Il pianista di Roman Polanski, che ha procurato a Brody il premio Oscar 2003 come migliore interprete. Tra le sue ultime interpretazioni The Village (2004) di M. Night Shyamalan, The Jacket (2005) di John Maybury, King Kong (2005) di P. Jackson e Hollywoodland (2007), opera prima di A. Coulter. Nel 2010 è stato presentato Manolete (2007) di Menno Meyjes, dove Brody interpreta il famoso torero. Altri film: Cadillac Records (2008), Predators (2010), Midnight in Paris (2011), Third Person (2013), Grand Budapest Hotel (2014), American Heist (2014).

Media


Non sono presenti media correlati