Questo sito contribuisce alla audience di

Cartignano

comune in provincia di Cuneo (26 km), 690 m s.m., 6,51 km², 170 ab. (cartignanesi), patrono: san Lorenzo (10 agosto).

Centro della valle del torrente Maira, diviso in due nuclei: Cartignano e Ponte. Appartenuto all'inizio del sec. XI all'abbazia di Caramagna, passò nel 1091 a Bonifacio del Vasto che lo lasciò al figlio Guglielmo, marchese di Busca (1142). Dal 1169 appartenne ai marchesi di Saluzzo, finché, nel 1601, entrò nei domini sabaudi. Nel 1944 fu incendiato dai nazisti. § L'antico castello (sec. XIV), devastato durante la seconda guerra mondiale, adibito a usi agricoli e caduto in abbandono, conserva tracce di affreschi, fregi e finestre ogivali. All'epoca barocca risale la parrocchiale di San Lorenzo, con campanile del sec. XVIII. § L'economia si basa soprattutto sull'agricoltura (cereali, patate, foraggi) e sull'allevamento bovino, favorito dalla ricchezza dei pascoli. Praticate sono le attività di sfruttamento dei boschi (in particolare la raccolta di castagne).