Questo sito contribuisce alla audience di

Castorano

comune in provincia di Ascoli Piceno (20 km), 280 m s.m., 14,09 km², 2036 ab. (castoranesi), patrono: Maria Santissima della Visitazione (31 maggio).

Centro su un colle alla sinistra della valle del fiume Tronto. Insediamento piceno, fu assoggettato dai Romani nel sec. III a. C. Nel Medioevo passò sotto il dominio dei Longobardi, poi del Ducato di Spoleto e infine, nel sec. XII, di Ascoli, di cui seguì le sorti. Nel sec. XVI fu inglobato nello Stato Pontificio. § Della cinta muraria quattrocentesca rimane la porta detta “ Castellana”; notevole è la torre medievale poligonale, merlata alla ghibellina, annessa alla parrocchiale e rifatta in epoca moderna. A Pescolla la chiesa di San Giovanni Battista (1532) conserva un affresco cinquecentesco e una tela di Ludovico Trasi. § Le principali risorse economiche sono rappresentate dalla viticoltura, con annessa industria enologica (vino rosso Piceno superiore), e dalla coltivazione di frumento e olivi. È diffusa la lavorazione artigiana del merletto a tombolo.