Questo sito contribuisce alla audience di

Cròva

comune in provincia di Vercelli (18 km), 167 m s.m., 13,99 km², 429 ab. (crovesi), patrono: san Pietro Martire (29 giugno).

Centro situato nella pianura irrigua sulla sponda orientale del canale Cavour. Citato in un diploma del 999, fu possesso dei signori di Bolgaro, dei dal Pozzo e dal 1218 dell'abbazia di Sant'Andrea di Vercelli. Passato al comune di questa città, ne seguì le sorti fino al 1379 quando pervenne ai Savoia, che l'assegnarono in seguito a diversi feudatari. Nel paese sorgono la parrocchiale di San Pietro e, nella frazione di Viancino, quella di Sant'Eusebio e resti di mura del castello medievale, sui quali è stata edificata un'abitazione rurale denominata “castello”. § L'economia si basa sull'agricoltura (riso) e sull'allevamento bovino, che alimenta una vivace attività lattiero-casearia. Sono presenti imprese meccaniche, edili e dell'abbigliamento.