Questo sito contribuisce alla audience di

Fancèlli, Còsimo

scultore italiano (Roma 1620-1688). Fu attivo soprattutto a Roma, dapprima nell'orbita del Bernini, di cui era stato allievo, e quindi come collaboratore di Pietro da Cortona (stucchi in S. Carlo al Corso; Madonna per l'altare disegnato dal Cortona nella chiesa dei SS. Luca e Martina), di cui emulò il morbido pittoricismo. Fu collaboratore del Borromini nella Cappella Spada in S. Girolamo alla Carità ed eseguì la statua dell'Angelo del volto santo per ponte Sant'Angelo (1668-69). Scultore fu anche suo fratello Giacomo Antonio (Roma 1619-1671). Allievo e collaboratore del Bernini, partecipò intorno al 1640 al la decorazione della basilica di S. Pietro. Sua è la statua del Nilo nella fontana dei Fiumi in piazza Navona, eseguita su progetto del Bernini.

Media


Non sono presenti media correlati