Questo sito contribuisce alla audience di

Fersen, Alessandro

(Aleksander Fajrajzen), regista teatrale di origine polacca (Łódż 1911-Roma 2001). Trasferitosi in Italia all'età di due anni, fu costretto poi a emigrare a Parigi, durante il periodo fascista, a causa delle leggi razziali. Dopo la guerra, tornato in Italia, debuttò nel 1947 con Lea Lebowitz, spettacolo basato su una leggenda ebraica chassidica, di cui scrisse anche il testo. Fu fondatore con lo scenografo Emanuele Luzzati del Teatro Ebraico, mettendo in scena nel 1968 Golem, ispirato al leggendario essere della letteratura talmudica. Fersen fu maestro non solo nel folclore yiddish, ma anche nel fondere mezzi diversi di espressione, come canto e danza, con particolare accento sul mimo. Vanno ricordate, inoltre, le sue attività di maestro di recitazione dal 1957, con un workshop seguace del metodo psicotecnico del russo K. Stanislavskij, e di critico e saggista sulla rivista Sipario. Fu attivo anche per la televisione e il cinema.

Media


Non sono presenti media correlati