Questo sito contribuisce alla audience di

Feuillet, Octave

narratore e commediografo francese (Saint-Lô 1821-Parigi 1890). Fu l'autore di maggior successo del Secondo Impero, sia con le commedie-proverbio alla maniera di Musset, ridotto alla misura di una futile e svagata mondanità, sia col Roman d'un jeune homme pauvre (1858), l'esempio più rappresentativo di romanticismo idealistico e sdolcinato dell'Ottocento francese. Seguirono con egual fortuna: L'histoire de Sybille (1862), Julia de Trécoeur (1872), Honneur d'artiste (1890). Fu eletto all'Académie Française nel 1862.