Questo sito contribuisce alla audience di

Flaxman, John

scultore e incisore inglese (York 1755-Londra 1826). Dal 1770 frequentò la Royal Academy, dove conobbe W. Blake e G. Romney che orientarono il suo stile verso il neoclassicismo. Eseguì bassorilievi e sculture ispirate all'antico per la manifattura di ceramiche di Wedgwood e approfondì il suo gusto neoclassico durante una permanenza a Roma (1787-94). Tornato in Inghilterra, ebbe numerose e importanti commissioni: eseguì tra l'altro il monumento funebre di lord Mansfield nell'abbazia di Westminster e quelli di H. Nelson e J. Reynolds in S. Paolo. Basilari per il linguaggio artistico del neoclassicismo nordico e preromantico furono i suoi disegni lineari e incisivi, tradotti in incisioni per illustrare l'Iliade e l'Odissea (1793), a cui seguirono illustrazioni per le tragedie di Eschilo (1795) e per la Divina Commedia (1802).

Media


Non sono presenti media correlati