Questo sito contribuisce alla audience di

Gàmbara, Verònica

poetessa italiana (Pralboino, Brescia, 1485-Correggio 1550). Ebbe ottima educazione letteraria e umanistica. Sposa di Ghiberto X, signore di Correggio, resse con saggezza, dopo la morte del marito, il piccolo Stato. Ammiratissima nel suo tempo, fu in amicizia con Bembo, con Ariosto, Tasso e l'Aretino. Le sue Rime, petrarcheggianti, rivelano misura e perfetta eleganza ma non sono aliene da una certa freddezza e da qualche preziosismo. Per maggior ricchezza di contenuto umano, malizia, vivacità ed eleganza si ritengono più importanti le sue Lettere.

Media

Veronica Gambara.