Questo sito contribuisce alla audience di

Gabétti, Giusèppe

germanista italiano (Dogliani, Cuneo, 1886-Roma 1948). Tenne la cattedra di letteratura tedesca nelle università di Genova e di Roma ove diresse dal 1932 l'Istituto italiano di studi germanici. Ha lasciato saggi su Goethe (Le “Affinità Elettive” del Goethe, 1914), Grillparzer, Platen, sulla poesia di Lenau e Mörike. Esperto conoscitore di letterature nordiche, fu anche traduttore, specie di J. P. Jacobsen.